header
Pages Menu
TwitterRssFacebook

Posted by on Set 21, 2010 in Dermatologia, Futuro, Mani, Ricerca | 0 comments

La pelle che dona il senso del tatto ai Robot

Pelle ElettronicaLa robotica ha fatto passi da gigante negli anni, replicando i sensi della vista e del suono, ma l’olfatto e il gusto sono ancora in ritardo sulla tabella di marcia, e il è stato pensato per essere il più difficile di tutti, fino a quando la nuova pelle sensibile alla non si è fatta avanti.

La pelle elettronica è realizzata in germanio e silicio avvolto intorno a un film di poliimmide appiccicoso. Il prototipo misura circa 7,6 centimetri quadrati ed è in grado di rilevare le pressioni tra 0 e 15 kilopascal, che è la serie di pressioni che si possono incontrare durante la digitazione su una tastiera o mentre si tiene in mano un piccolo oggetto. La pelle permette questo grazie al rivestimento in gomma, che cambia il suo spessore in risposta ai cambiamenti della pressione, che viene poi misurata e controllata da condensatori interni.

Il membro del team di progettazione Ali Javey spiega perché un robot con un senso ben sviluppato del tocco è così importante per espandere l’utilità dei robot: “gli umani generalmente sanno come tenere un uovo fragile senza romperlo. Se per esempio volessimo un robot per pulire i piatti, per esempio, dobbiamo essere sicuri che non rompa i bicchieri di vino durante il processo”.
Anche qualcosa come vestirsi o leggere un giornale richiede un senso abbastanza intuitivo del tatto e della pressione, e questa nuova pelle mettere tali capacità alla portata dei robot.

Sicuramente un passo avanti, ma una serie di sensori di pressione non è certo un sostituto per i sensori estremamente sofisticati che abbiamo nella nostra pelle. Non solo la pressione del senso, ma altre sensazioni collegate alla stessa, come il , il , ecc. Questa pelle artificiale potrebbe contribuire a ripristinare un giorno le sensazioni alle persone che hanno perso la sensibilità in alcune parti del loro corpo, anche se questo utilizzo è ancora davvero lontano: “Collegare la pelle artificiale con il sistema nervoso umano sarà un compito molto impegnativo. In ultima analisi, in un molto lontano, vorremmo fare una pelle che si comporta davvero come la pelle umana e che sia in grado di connettersi alle cellule nervose e quindi ripristinare le sensazioni”, dice il ricercatore Zhenan Bao.

La pelle che dona il senso del tatto ai Robot ultima modifica: 2010-09-21T11:34:55+00:00 da chepelle

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.