header
Pages Menu
TwitterRssFacebook

Posted by on Nov 6, 2009 in Dermatologia, Igiene, Notizie | 2 comments

Influenza A: dosi per i bambini e perplessità

VaccinazionePer i sotto i 9 anni servono 2 dosi di vaccino contro l’influenza H1N1: lo hanno confermato i responsabili sanitari statunitensi. Per i bambini con più di 10 anni è sufficiente una sola dose che dovrebbe proteggerli dal entro 8-10 giorni.
Le due dosi molto probabilmente saranno intervallate da 3 settimane di pausa ed è possibile fare simultaneamente il vaccino dell’influenza stagionale.

In questo momento sono 25 le aziende in tutto il mondo che stanno producendo il vaccino contro l’nfluenza H1N1. In Italia opera la Novartis, mentre negli Stati Uniti la Sanofi Pasteur’s che ha dichiarato che il vaccino messo a punto da loro si e’ verificato efficace sul 76% dei ragazzi tra 10-17 anni che si sono sottoposti alla .

E le perplessità?

L’Agenzia di Protezione della Salute americana denuncia la campagna di vaccinazione: secondo diversi medici potrebbe indurre la sindrome di Guillain-Barré, una malattia che colpisce i nervi fino alla paralisi respiratoria. Temono non siano state eseguite tutte le fasi di sperimentazione, si ha la paura per l’uso dello squalene e si domanda come mai la popolazione mondiale non viene informata sui possibili danni.

Influenza A: dosi per i bambini e perplessità ultima modifica: 2009-11-06T08:19:33+00:00 da chepelle

2 Comments

  1. In aggiunta ai virus e ad altri additivi, molti vaccini contengono anche immunocoadiuvanti come l’alluminio e lo squalene.


    Lo scopo di un immuno-coadiuvante, aggiunto al vaccino, è quello di aumentare la risposta immunitaria alla vaccinazione. I coadiuvanti fanno si che il sistema immunitario iperreagisca alla introduzione dell’organismo contro il quale si è stati vaccinati.
    Questi coadiuvanti si suppone che facciano il lavoro più velocemente (ma certamente non in modo più innocuo), cosa che riduce la quantità per dose di vaccino, ma anche il numero di dosi somministrate ad ogni individuo. Tanto minore sarà il vaccino richiesto per ogni individuo tanto più dosi individuali saranno disponibili per le campagne di vaccinazione di massa.

    Lo squalene
    Secondo Meryl Nass, M.D. (medical doctor), una autorità in merito al vaccino sull’antrace:

    Una nuova caratteristica dei due vaccini H1N1 che la Novartis e la GlaxoSmithKline stanno sviluppando, è l’aggiunta di squalene, un coadiuvante per attivare immunogenicità e ridurre drasticamente la quantità di antigeni virali necessari. Questo si traduce in una produzione troppo veloce delle quantità di vaccino desiderate.”

    Il coadiuvante squalene di proprietà della Novartis per il loro vaccino H1N1 è l’MF59. Quello della Glaxo’s è l’ASO3. L’MF59 deve ancora essere approvato dalla FDA (Food and Drug Administration, ndt) perchè possa essere usato in vaccini usati in USA, nonostante ci sia una sua storia di uso in altri paesi.
    Cosa fa lo squalene ai topi
    Coadiuvanti di vaccini su base oleosa, come lo squalene, sul lungo termine non hanno dimostrato di produrre risposte immunitarie concentrate e ininterrotte
    Una ricerca del 2000, pubblicata nell’American Journal of Pathology dimostrò che una singola iniezione del coadiuvante squalene sui topi, ha attivato “una infiammazione cronica, mediata immunologicamente sull’articolazione,” altresi nota come artrite reumatoide.
    Cosa fa lo squalene agli esseri umani
    Il nostro sistema immunitario riconosce lo squalene come una molecola di olio innata nel corpo. Si trova in tutto il sistema nervoso e nel cervello. Infatti, si può consumare squalene in olio di oliva e il sistema immunitario non solo lo riconosce, ma anche si avvale delle sue proprietà antiossidanti.
    La differenza tra “squalene buono” e “squalene cattivo” è la via attraverso la quale entra nel corpo. L’iniezione è una via di ingresso anormale che incita il sistema immunitario ad attaccare tutto lo squalene nel corpo, non solo quello contenuto nel coadiuvante.
    Il sistema immunitario quindi tenterà di distruggere la molecola ovunque la trovi, inclusi I luoghi dove è naturalmente e dove è vitale per la salute del sistema nervoso.

  2. Io ho molta paura… soprattutto per l’uso dello squalene…

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.