header
Pages Menu
TwitterRssFacebook

Posted by on Mag 21, 2008 in Dermatologia, Genetica, Ricerca | 6 comments

Il bruco che tesse la pelle

BruchiUn bruco di baco da seta geneticamente modificato è in grado di produrre della pelle umana.
Questi animali sono stati ingegnerizzati (da un gruppo di dell’università di Hiroshima in Giappone) in modo da contenere il gene che produce il , la proteina che costituisce gran parte della pelle umana, e tessere quindi un bozzolo. Dal bozzolo stesso poi potrebbe essere possibile estrarre la proteina e purificarla per poi utilizzarla in medicina.
Gli usi di questa proteina, che sarebbe purissima, sono molteplici: dalla creazione di pelle artificiale all’applicazione della proteina stessa su ferite in cicatrizzazione. I prossimi passi secondo i biotecnologi sarebbero quelli di usare la stessa tecnica per “convincere” mucche a produrre proteine particolari nel latte, o inserire i geni in piante coltivate per averne a disposizione dopo il raccolto.

Il bruco che tesse la pelle ultima modifica: 2008-05-21T19:08:41+00:00 da chepelle

6 Comments

  1. Chi l’avrebbe mai detto!
    Dopo il baco da seta, il baco da pelle!
    Chissà se sarà possibile ottenere anche un filato anallergico!

  2. Come minimo… io la prenoto: la voglio senza brufoli e punti neri, abbronzata e senza peli!

  3. Vuoi proprio il ” top del fashion”!

  4. Beh… si! Anche perchè la spesa non sarà sicuramente minima, per cui è meglio pretendere il meglio! 🙂

  5. ciao  ke bello un animale cosi piccolo ke ci produ ce seta tanta seta ke bello:lol: 😉

  6. Piccolo animale, grande lavoro 8)

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.