header
Pages Menu
TwitterRssFacebook

Posted by on Giu 20, 2011 in Alimentazione, Dieta | 0 comments

Bacche di açai e prova costume

acaiPer chi non è ancora andato al , per quelli dell’ultimo minuto ancora una speranza per rimettersi in esiste. Direttamente dalle foreste dell’Amazzonia arriva il frutto che potrà finalmente farci indossare nuovamente la taglia che avevamo ormai perso da anni: il frutto di Açai.
Originario del Brasile, il suo aspetto ricorda la forma di un grande mirtillo nero.
Già conosciuto da molti atleti a livello mondiale, che ne fanno uso viste le sue virtù proteiche e nutritive, queste bacche hanno un elevato contenuto di Omega-3, 6 e 9. Un frullato di questo frutto sembra essere in grado di sostiuire perfettamente un pasto completo.
Un frutto che sembra presentarsi come la perfetta sinergia tra sani, fibre dietetiche e filosteroli,tutti elementi utili per mantenere sano l’apparato cardiovascolare e digestivo.

Ciclicamente ci ritroviamo un po’ tutti a combattere con il nostro peso. Dopo le feste, prima di andare al mare, oppure quando abbiamo un evento importante e il vestito che tanto amiamo proprio sembra non voler entrare. Quello che dovremmo fare è una sana ed equilibrata tutto l’anno per evitare poi di andare alla ricerca della soluzione magica che magari risolvi in poco tempo il nostro problema.
La nostra cucina è piena di che ci aiutano a disintossicare il nostro dalle cattive abitudini, d’altronde che vita sarebbe se non ci concedessimo delle trasgressioni che possono minacciare la nostra linea? Oggi un aiuto in più sembra arrivarci da questo frutto tropicale.
Il consiglio come sempre è di non esagerare.

Bacche di açai e prova ultima modifica: 2011-06-20T12:36:30+00:00 da chepelle

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Bacche di açai e prova costume | ItaliaON - [...] [ 20 giugno 2011; ] Per chi non è ancora andato al mare, per quelli dell’ultimo minuto ancora una…
  2. chepelle - Bacche di açai e prova costume - AlterVista - Webpedia - [...] il sito chepelle oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista Condividi su [...]

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.