header
Pages Menu
TwitterRssFacebook

Posted by on Ago 18, 2009 in Calvizie, Capelli, Dermatologia | 0 comments

Anche i capelli delle donne cadono…

capelli_donneIl gentil sesso non è incolume dalla perdita dei , le cause possono essere di due tipi: genetiche e non genetiche.

Parlando di cause non genetiche si possono elencare tutte quelle situazioni in cui il benessere psicofisico della donna è messo in discussione, , degenza post parto, , frequenti trattamenti che indeboliscono il cuoio capelluto, determinano in via del tutto temporanea la perdita dei capelli, una volta scomparso la causa la ricrescita è più o meno immediata.

Per quanto riguarda le cause genetiche portabandiera della dei capelli sono gli , si chiamano , ormoni prodotti dalle ghiandole surrenali e dalle ovaie, sono i responsabili della caduta definitiva dei capelli.

Nella donna questi ormoni, presenti in quantità minore rispetto all’uomo, giocano un ruolo fondamentale nella sessualità operando in concomitanza con gli .

Si è osservato che un calo della produzione di androgeni determina in maniera irreversibile lo sfoltimento e la caduta dei capelli, nel caso dei pazienti malati di cancro sottoposti a chemioterapia, il ciclo di chemio riduce drasticamente la quandità di androgeni e causa la perdita dei capelli, finito il ciclo di cure i capelli ricrescono.

Quando non vengono tirate in ballo terapie contro il cancro e la diminuzione degli androgeni è di natura genetica è difficile riscontrare una ricrescita naturale del capello, nelle , che al contrario di quanto si pensi, non sono incolumi al problema.
Si stanno sperimentando delle terapie a base di estrogeni, per rallentare la caduta.

Anche i capelli delle donne cadono… ultima modifica: 2009-08-18T09:46:15+00:00 da chepelle

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Notizie dai blog su Le donne sopportano meglio lo stress - [...] dei capelli, le cause possono essere di due tipi: genetiche e non genetiche. blog: chepelle | leggi l'articolo…

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.